Home » Consulenza editoriale

Consulenza editoriale

BIOGRAFIE

Dal greco βίος (Bìos) "vita" e γράφειν (gràfein), "scrivere", è la narrazione della storia di vita sotto forma di libro. 

Tale attività storiografica è cambiata notevolmente nel corso dei secoli alla luce, non solo delle trasformazioni sociali e culturali, ma anche per una maggiore consapevolezza della propria individualità e delle differenti fasi della vita. 

Quando si realizza una biografia, si può fare riferimento a molteplici modelli letterari. Per esempio, è possibile utilizzare una prospettiva psicoanalitica, dando particolare risalto agli anni dell’infanzia e al periodo adolescenziale; oppure si può fornire un punto di vista più storico, limitandosi a descrivere in modo dettagliato gli avvenimenti che hanno avuto una maggiore influenza.  

Nel contesto cristiano questo genere acquisisce una propria dignità letteraria descrivendo i processi e le condanne a morte dei primi martiri, i cosiddetti acta martyrum. Successivamente, alla fredda descrizione dei processi, si aggiunse quella inerente agli eventi straordinari ovvero le passiones. 

Un ulteriore stadio venne conseguito con le vitae che raccontavano l’intero iter esistenziale del martire con dovizia di particolari. La prima biografia di cui ci è pervenuta testimonianza scritta, fu quella realizzata da Ponzio di Cartagine sul vescovo del III secolo d.C. Tascio Cecilio Cipriano. Nel periodo medievale le biografie venivano realizzate con finalità diverse rispetto a quelle in età contemporanea. 

Infatti, la storia di vita del protagonista veniva messa in secondo piano rispetto alla sua filosofia di pensiero. Così gli scritti acquisirono il valore di lezione e in tal senso virarono maggiormente verso l’agiografia. Sovente questi scritti si prefissavano l’obiettivo di difendere una determinata tesi o di evidenziare i vizi e le virtù del protagonista un po’ come succedeva nelle biografie a sfondo biblico. Alcuni esempi sono stati forniti da Quinto Curzio Rufo con la “Vita di Alessandro” e Gaio Svetonio Tranquillo con le “Vite dei Cesari”. 

Entrambi si soffermarono maggiormente sulle gesta dei protagonisti. Le biografie, con il trascorrere dei secoli, si affermarono come un vero e proprio genere letterario, offrendo esempi di grande rilievo come  “Le Vite degli artisti rinascimentali” del Vasari. La biografia moderna ebbe origine invece nel XVII secolo grazie a Izaak Walton, quando nell’Europa settentrionale si diffuse sempre di più il costume di raccontare la vita di ricchi mecenati o avventurieri dell’epoca. Sul finire del secolo nacque invece la biografia di genere universitario, fondata su un rigoroso metodo di analisi degli avvenimenti. 

L'opera biografica più rilevante del Settecento fu “La Vita del dottor Johnson” scritta da James Boswell. Nei medesimi anni, con l’avvento di nuove branche di studio, l’analisi psicologica del personaggio venne abbinata alle metodologie storico – scientifiche per dare alla descrizione del percorso di vita una maggiore profondità. L’esempio più lampante di questo secolo riguarda la biografia di Gesù di David Friedrich Strauß. 

All’inizio del Novecento, gli ulteriori sviluppi della psicologia e la nascita della psicoanalisi diedero alla biografia un’interpretazione ancora più completa rispetto ai secoli precedenti. Attualmente, infine, il trend vigente accorpa alla biografia anche la monografia storica e la saggistica. Per rendere immortale, per contemporanei e posteri, il proprio percorso esistenziale, mettiamo a disposizione la nostra competenza editoriale aiutandovi totalmente o, soltanto parzialmente, a esercitare quest’antica forma d’arte, scrivendo il libro della vostra vita. 

GHOSTWRITING

L’attività del ghostwriter si traduce nella redazione di libri e articoli di giornale per un soggetto terzo. In un articolo del 1997, apparso sul New York Times, circa metà dei libri nella lista dei best – seller erano scritti da ghostwriter. Esistono molteplici aree di intervento per questa professione:

 

  • Autobiografie e memorie.
  • Libri relativi a qualunque branca del business.
  • Libri che descrivono l’autore come un esperto in qualche settore.

 

Per essere un bravo ghostwriter non è necessario essere un virtuoso della penna, ma solo uno scrittore abile nella strutturazione del testo in tutte le sue componenti. In genere il lavoro preliminare si traduce in diverse ore di interviste ed è importante per questo produrre le domande giuste e funzionali al progetto di testo di cui si necessita la realizzazione. Un’altra importante peculiarità è quella di essere dei bravi ricercatori. In relazione alla natura del progetto potrebbe rivelarsi utile intervistare persone associate al soggetto oppure consultare opere pubblicate o lettere scritte da quest’ultimo. Anche la recitazione è importante in quanto il progetto dovrà essere realizzato seguendo i gusti del soggetto e non quelli personali. È necessario per questo sapersi immedesimare proprio come un attore che recita un ruolo. Richiede inoltre estrema riservatezza in quanto si può venire a conoscenza di informazioni confidenziali che necessitano della massima riservatezza. Per questo motivo mettere nero su bianco in un contratto determinati aspetti rappresenta una forma di tutela per il soggetto. Questi gli elementi cardine che è necessario specificare:

 

  • assunzione di responsabilità e tempistiche di consegna;
  • modalità del riscontro economico;
  • cessione dei credits in quanto il soggetto e non il ghostwriter verrà indicato come autore;
  • cessione del copyright, che assicura i diritti sul testo prodotto;
  • calendario dei pagamenti basato sulle consegne che si succederanno;

 

Si tratta di una pratica in cui mettiamo a disposizione di coloro che necessitano di un articolo, di un libro o di un testo di qualunque natura, il talento e la qualità letteraria di uno dei nostri "scrittori fantasma", i quali richiederanno il compenso pattuito per cedere ogni diritto su ciò che verrà redatto. Fornendo tale tipologia di servizio, assicuriamo assoluta riservatezza da parte del ghostwriter medesimo, garante quanto la presente attività, del servizio reso. 

 

 

 

EDITING

Quella dell’editor è un’attività che rende un testo pubblicabile non semplicemente correggendo refusi ed errori ortografici ma uniformandolo alle norme editoriali migliorandone lo stile, analizzandone l’architettura e ritoccando dialoghi e descrizioni. Per questo è fondamentale che tale figura professionale sia a conoscenza dell’obiettivo del testo e del taglio stilistico che si vuole dare. In pratica, la differenza sostanziale fra la correzione di bozze e l’editing è la seguente: la prima restituisce il testo in una forma corretta dal punto di vista grammaticale e sintattico mentre il secondo, attraverso una lettura critica, lo sgrezza facendone risaltare le migliori peculiarità. Si tratta in definitiva di un servizio di revisione del testo armonizzando le parti di cui si compone e rendendolo più fluente alla lettura e più interessante all’ascolto, trasformandolo così in un prodotto appetibile per la pubblicazione. Questo però non significa snaturarlo in quanto un efficace servizio di editing si occupa di trasformare e arricchire la forma preservandone però il contenuto. Questo ciò che garantiamo nel fornire tale servizio:

 

  1. Accrescimento del livello di comprensione del testo, assicurandone una maggiore chiarezza.
  2. Revisione delle scelte stilistiche, al fine di poter meglio focalizzare su testo le intenzioni dell'autore.
  3. Miglioramento della struttura sintattica e del climax della narrazione.
  4. Correzione degli errori di coerenza presenti nello svolgimento della trama descritta. 

 

Proponiamo tale servizio su tre distinti livelli: 

 

  • I° livello (revisione leggera del testo).
  • II° livello (revisione più approfondita e integrazione del testo).
  • III° livello (revisione, integrazione e affiancamento del consulente letterario fino al conseguimento del livello ottimale atteso).

    Il costo dipenderà dal livello di editing richiesto. Assicuriamo inoltre assoluta onestà intellettuale nel ponderare pro e contro degli elaborati oggetto del presente servizio.

 

CORREZIONE DI BOZZE

La correzione di bozze è una delle attività proprie sia del giornalismo che dell’editoria. Si tratta, di conseguenza, di una professione di natura redazionale che necessita di estrema attenzione, precisione e pazienza.

Per bozza si intende una copia, in formato cartaceo, di un testo che verrà successivamente dato alle stampe, e che per questo dovrà essere revisionato allo scopo di eliminare errori e correggere tutti gli elementi che vanno a comporre l’impostazione di pagina (spazi, margini, rapporto fra immagine e testo…).

Per fare un lavoro accurato, è necessario rileggere più volte il testo facendo quelli che in gergo vengono definiti “giri di bozze”.

La correzione di bozze non deve essere però confusa con il lavoro di editing in quanto la prima riguarda prevalentemente la sistemazione di sviste nella digitazione mentre il secondo si traduce nell’eliminazione dei difetti sia nel contenuto che nella forma.

La correzione di bozze è quindi la fase successiva all’editing perché si occupa sostanzialmente degli errori di battitura del testo. Perché questa attività venga eseguita con la massima attenzione è di fondamentale importanza procedere alla correzioni sul formato cartaceo del testo in quanto su quello digitale molti dettagli possono facilmente sfuggire, nonostante la buona volontà. Questo richiede, di conseguenza, l’utilizzo di una serie di strumenti del mestiere:

 

  • Penna rossa, per evidenziare gli errori da correggere;
  • Righello, per non rischiare di saltare, nella lettura, qualche riga;
  • Lente di ingrandimento, se si ravvisa qualche dubbio nella spaziatura oppure quando il corpo del testo è molto piccolo, come nel caso delle note a piè di pagina.

 

Con tale servizio ci proponiamo di mondare il testo da ogni difetto formale, presente nel lessico, nella punteggiatura e nell’impostazione di pagina al fine di valorizzarne il contenuto.